Pubblicato il 6 maggio 2016 in Osteopatia

Osteopatia veterinaria

OSICS | Articoli | Osteopatia | Osteopatia veterinaria

Dagli anni 70 si inizia a parlare in Francia dell’applicazione dei concetti osteopatici alla medicina veterinaria.

Attualmente l’applicazione del metodo osteopatico trova vasto impiego per la cura di cavalli e cani, ma le tecniche valutative e correttive che l’osteopata usa possono essere d’aiuto anche per altri animali.

Le problematiche degli animali che maggiormente sono affrontate tramite l’osteopatia spaziano dai problemi locomotori osteo-articolari che portano a zoppie e movimenti alterati, fino a disordini di tipo digestivo (coliti,diarree ricorrenti,ecc…)o a problematiche della bocca e dell’orecchio.

Attraverso la palpazione manuale, l’osteopata è in grado di percepire sublussazioni non percepibili radiologicamente e di riequilibrare eventuali disfunzioni vertebrali.

L’osteopatia applicata ai cavalli

Probabilmente le attenzioni che ci sono attorno al mondo delle corse, ha fatto si che tra i primi animali a giovare delle cure de “le sensibili mani dell’osteopatia” siano stati i cavalli.

Ovviamente l’approccio con queste bellissime creature non è semplice  e non tutti gli osteopati, se pur bravi professionisti, riescono ad instaurarvi un rapporto che permette  di poter effettuare le valutazioni e le tecniche ritenute opportune.

I motivi più ricorrenti per cui un osteopata entra in contatto con un cavallo (…a parte la voglia di salirci sopra)  sono i seguenti:

  • Zoppie,post traumatiche o meno.
  • Disturbi del comportamento e difficoltà nell’esecuzione degli “ordini” dati dal fantino
  • Predisposizione a ruotare la testa da un lato e difficoltà a ruotarla dall’ altro.
  • Difficoltà a girare a mano destra o a mano sinistra 
  • Difficoltà digestive
  • Difficoltà a sopportare la sella: può dipendere da  una disfunzione vertebrale o costale del torace
  • Traumi di qualsiasi genere
  • Difficoltà a sopportare il morso

I centri di osteopatia veterinaria e i professionisti osteopati che si occupano di animali, sono ancora pochi in Italia, ma visti i notevoli risultati sicuramente con il tempo si riscontrerà una maggior presenza di questa figura.



Resta sempre aggiornato sulle notizie di OSICS

Iscriviti alla newsletter!